lunedì 30 aprile 2012

The best social media


The best social media


Il testo italiano è qui sotto, scendere per trovarlo 
grazie

Prossimo post mercoledì 2 maggio 
Next post Wednesday May 2nd





THEY ARE MANY, TOO MANY MAYBE, ALL FASHIONABLE AND COMPETING: NOT IN TERM OF QUALITY OF SERVICE OFFERED. MUCH MORE FOR TIME YOU CAN SPEND WITH THEM. BECAUSE YOU NEED TO BE THERE, IF YOU WANT TO BE THERE. A QUICK VISIT EVERY NOW AND THEN DOES NOT WORK. IT CAN BE A LIKELY ALIBI FOR YOU, THE ILLUSION TO CONTROLL EVERYTHING, BUT ACTUALLY YOU WON’T BE ONE OF THEM.
AND ONE MORE QUESTION: WHAT ARE THEY FOR? JUST FOR FUN? OR A VALUABLE TOOL IN THE BUSINESS WORLD?
YES, I’M TALKING ABOUT SOCIAL MEDIA.
I PERSONALLY LOVE FACEBOOK AND TWITTER, YES THEY ARE DIFFERENT, SLIGTHLY OR PROFOUNDLY. I’M FALLING IN LOVE WITH PINTEREST AND  DO TRUST AND FEAR LINKEDIN, BUT I DO NOT KNOW THEM ENOUGH TO PROFIT FROM THEIR USE. AND IN GOOGLE+ I’M A STRANGER IN A STRANGER LAND.
AND I’M AWARE THERE IS MUCH MORE. flickr, tumblr, goodreads, friendfeeds just to name some.
SO I ASKED SOME FRIEND OF MINE TO HELP ME, HELP US, TO UNDERSTAND BETTER THE SITUATION TELLING US WHICH ONE THEY LIKE AND WHY. WE ARE NOT YET DONE: IT’S UP TO YOU NOW. WOULD YOU HELP ALL OF US SHARING YOUR PREFERENCES: WHICH ONE AND WHY. 
WOULD YOU?



No doubt, it is twitter. It is quick and immediate, it gives you the opportunity to follow and get in touch with people twitting about topics you are interested in.
To me it is an open door to knowledge; I use it daily and I have no problem in admitting I am kind of “addicted”. There are so many interesting and useful  tweets, that it is often hard for me to give up.






Socialmedia: pain and pleasure. Facebook and Twitter are the ones I spend more time on. Facebook is invasive and not so intelligent, you lose a lot of time messaging and updating pages, often you lose time looking at holiday photos of someone you have not seen or heard for more than 10 years, Nevertheless, today Facebook  is communication: if I have to plan a dinner with a friend he replies me faster by facebook than by phone and for business is  an incredible tool for communication and marketing.
Twitter is intelligent , non-invasive and its use fits your needs,
 It is quick, fast and immediate, twitter is what you make of it!
I have been using Twitter for years and this last period’s boom seems tragicomic to me.
I suggest in addition to the “classic” Youtube, also another social I now use  for both business and pleasure:  http://www.deviantart.com/, there are incredible talented people and lots of resources and inspiration .



I have not yet found my preferred social media. Most likele it’s Twitter: I love it the most but I can0t tell you why. I also use Facebook, Tumblr, Goodreads, Linkedin and I discovered that I spend about 80% of the time reading what other people wrote on these social media and just 20% writing and posting. It was not so at the beginning, but the opposite. I got a lot of traffic to my personal blog from Facebook, Twitter and Tumblr. I knoe I have to talk to different people with different social media: when I have to share words and picture I use Facebook, Twitter just for words and Tumblr for images.



Even if Twitter is still in the top of my personal preferences, I will dedicate a few words to Pinterest, the Social Network that is gaining a huge popularity also in Italy.
Pinterest  can be considered a content curation service based on image sharing . It 'a social network that is creating a sort of dependency among fans of digital minimalism. And this basically because it is simple to understand and use, its design is clean and appealing (among other things it has recently been improved), the message is very straightforward as pinning and ripinning, and then above all is able to create engagement on the basis of the real interests of users.
The collection of images by the boards are a representation of our interests and of our lifestyle, with the advantage of being able to disclose more effectively than other social media including Facebook, where you must also establish a relationship made ​​of content, status, likes etc.
Pinterest seems to be the perfect social network, on the one hand can make an effective content curation also from a business perspective, and the other allows you to bring out creativity and originality of expression that feed the more emotional side. I definitely quote it. Here's my page
Paola Frateschi social media manager for Wiseup









Personally, I don't have a favorite social media. I bet you thought I was going to say Twitter, though. As much as I'm on Twitter, every social network offers a unique advantage to a company's growth, credibility, trust and traffic.
Take Facebook, for example. Over 800 million members today and still growing. However, if you have a business like ours, the work and campaigns we give our clients aren't being searched here. Why? Because our clients are Fortune 500+ companies. The Director of Marketing is not going to go on Facebook to find us.
We don't use Facebook to close clients (although it does happen, occasionally). We use Facebook for our readers and to build our credibility. On the other hand, Facebook is excellent for brands reaching out to millions of Fans. Games, polls, conversation, etc. are some of the wonderful things Facebook offers their users.
Another great example is LinkedIn. As you know, it's a professional network first, yet with all the new additions, it's becoming more social. There are so many groups and discussions to join. You can sit for hours, read all the posts, engage and so on. The benefits here are easy. You have a more professional group of people either looking for answers, or for someone that understands what they need.
Triberr is an example of a community network, although I'm not sure if many of you have heard about it. It's a member only network. The beauty here is, you actually build a group, a community, of like-minded professionals that need help promoting their posts. You feed your RSS feed into your Tribe account and everyone shares your content according to their particular target market (you have to make sure the people you add are offering content you want to share).
We as humans love the reward system, and most social networks provide the fundamental accolades we associate with them. Whether the accolades are a badge, recognition or a community that will engage, they provide authority backed by those who have shared your posts. People want to feel valued; when a network gives you badges and recognition, you (as a social being) will gravitate towards them due to the feeling of being valued.
With Four Square, as an example, you get badges, mayorships and so on. I love this, and others do, too. Not for the badges, but I can stay in touch with my office by letting them know where I am, and by sharing the pictures I take.
Of course, all this talk about social media brings me to something I don't see enough of in Italy. I'm still confused as to why so many Italians refuse to share others' content. You would think you're asking them to put their lives on the line.
They'll spend hours greeting people and #FF but it's a rare thing to see someone sharing a post written by someone other than themselves or by a reputed newspaper (and I have yet to find one that's not slanted either right or left). As generous as the people are, they don't have a share mentality. It must be the culture, although I do know a few on my Italian list who share our content.
Social networks are supposed to be a fun, great way to meet people and grow your network. But at the end of the day, these networks should be used to your advantage and benefit. Whichever one give you the ability to manage, create, and measure the buzz would be the one I'd vote for.
Gabriella Sannino: il suo blog



Testo italiano









Sono tanti, sono belli e sono concorrenti. Non tanto per quello che offrono, quanto per il tempo che richiedono. Perché o ci sei, sempre, o non ci sei. Un passaggio ogni tanto è una illusione di presenza, un alibi con il quale ci stordiamo per credere di avere tutto sotto controllo.

E poi a che cosa servono?  Oltre che a costruire (pseudo)relazioni ovvio: o a mantenerle. Hanno anche impatto professionale? Oppure anche questo è un mito?

Ovviamente sto parlando di social media: personalmente adoro Twitter e Facebook, con sfumature forse solchi, diverse. Mi affascina Pinterest, così come mi stimola Linkedin, ma non ho ancora imparato ad usarli bene. Mi intriga Foursquare ma al contempo mi irrita e non riesco a collocarlo in un ambito professionale.
Rappresenta per me un pianeta oscuro e totalmente sconosciuto Google+.
E poi? Che altro c’è? Tumblr, Goodreads, Flickr, Friendfeeds…. Vuoto totale!
Ho chiesto ad alcuni amici di aiutarmi a capire condividendo le loro preferenze e spiegandomele.
Ma si può andare oltre: volete dare un contributo anche voi? Aiutateci a capire quale social media preferite e perché! Grazie!



Senza dubbio Twitter: immediato, veloce, ti dà la possibilità di seguire ed entrare in contatto con persone che trattano argomenti che ti interessano. Per me è una porta spalancata sulla conoscenza; lo utilizzo quotidianamente e posso tranquillamente definirmi “addicted”. Sono così tanti i tweet con link utili ed interessanti , che spesso faccio fatica a staccare.
Stefania Boleso: marketing and communication professional






Croce e delizia, i socialmedia.

Principalemte Facebook e twitter sono quelli su cui passo più tempo. Facebook è invasivo e poco inteligente, tra un messaggio ad un amico e un aggiornamento pagina si perde un sacco di tempo a vedere le foto delle vacanze di qualcuno che non senti o vedi da almeno dieci anni, ma ormai Fb è comunicazione, se devo comunicare con un amico per organizzare una cena o altro mi risponde prima fi facebook che al telefono, inoltre per lavoro è un incredibile strumento di comunicazione.

Twitter è inteligente poco invasivo e il suo uso si plasma alle tue esigenze, agile veloce e immediato, twitter è cio che tu ne fai! Ormai è qualche anno che sono iscritto e il boom dell'ultimo periodo mi pare tragicomico.

Segnalo oltre a un classico come youtube un social che uso molto per lavoro e per diletto http://www.deviantart.com/, ci sono dei talemti incredibili e un sacco di risorse e ispirazioni.

Mattia Annese aka zeroD10: Social media enthusiast and Mac fundamentalist, mi piace fare rumore!


- Quale è il tuo sito social media preferito? Che cosa lo rende speciale?
Non ho ancora trovato il mio social media preferito. Probabilmente Twitter, ma ad essere onesto non ho una spiegazione. Lo trovo migliore degli altri. 

- Ci sono altre piattafome che frequenti?
Frequento Facebook, Tumblr, Goodreads, Linkedin. Mi sono accorto che, fatto 100 il tempo totale trascorso qui, ne dedico l'80 a leggere i contenuti degli altri, e il 20% a postare contenuti miei. All'inizio era diverso.

- Da quale social network il tuo blog è maggiormente visitato e ottiene la maggiore attenzione?
Da Facebook, Twitter e Tumblr. Ma ognuno di essi parla a persona differenti e ha uno spirito diverso: Facebook unisce parole e immagini, Twitter ha una prevalenza di parole e "temi", mentre utilizzo Tumblr esclusivamente per le immagini.  
Enrico Ratto: my web aggregator










Anche se Twitter resta sempre in cima alle mie personali preferenze, vorrei dedicare due parole a Pinterest, il Social Network che sta conquistando una grandissima popolarità anche in Italia.

Pinterest può essere considerato un content curation service basato sulla condivisione di immagini. E’ un social network che sta creando una sorta di dipendenza tra gli appassionati di minimalismo digitale. E questo fondamentalmente perché è semplice da capire e usare, il suo design è pulito e accattivante (tra l’altro è stato recentemente migliorato), il messaggio molto immediato come il pinning e ripinning, e poi soprattutto è in grado di creare engagement sulla base dei reali interessi degli utenti.
La raccolta di immagini grazie alle boards (lavagne) sono una rappresentazione dei nostri interessi e anche del nostro  lifestyle, con il vantaggio di poter divulgarli in modo più efficace rispetto ad altri social media tra cui Facebook, dove è necessario anche stabilire una relazione fatta di contenuti, status, apprezzamenti ecc.
Pinterest sembra dunque essere il Social Network perfetto, da una parte consente di fare una content curation efficace anche da un punto di vista commerciale, e dall’altro permette di far venire fuori creatività ed originalità di espressione che alimentano il lato più emozionale. Lo quoto sicuramente J a proposito su Pinterest sono reperibile seguendo questo link

Paola Frateschi social media manager presso Wiseup
 









Qual è il miglior social media e perché?
Personalmente, non ho un social media preferito. Scommetto avete pensato che fosse Twitter. Per quanto io sia su Twitter, tutti i "social network" offrono un vantaggio unico per la crescita di una società: la credibilità, la fiducia e il traffico
Prendete Facebook, per esempio. Oltre 800 milioni di iscritti oggi e ancora in crescita. Tuttavia, se si dispone di un business come il nostro, il lavoro, il servizio e le campagne che offriamo ai nostri clienti non è qui che le cercano. Perché? Perché i nostri clienti sono aziende Fortune 500+, il cui direttore marketing non andrà su Facebook per trovarci.
Non usiamo Facebook per trovare nuovi clienti (anche se succede, di tanto in tanto). Usiamo Facebook per i nostri lettori e per costruire la nostra credibilità. D'altra parte, Facebook è eccellente per i marchi che raggiungono i milioni di fan. Giochi, sondaggi, conversazioni, ecc, sono alcune delle cose meravigliose che Facebook offre ai propri utenti.
Un altro grande esempio è LinkedIn. Come sapete, si tratta di un network professionale prima, ma con tutte le nuove aggiunte, sta diventando sempre più social. Vi sono tanti gruppi e discussioni a cui partecipare. Si può stare seduti per ore, leggere tutti i post, rimanerne coinvolti, partecipare e così via. I vantaggi qui sono facili. Si dispone di un gruppo più professionale di persone, sia in cerca di risposte sia di qualcuno che capisca di cosa hanno bisogno.
Triberr è un esempio di un network comunità, anche se non sono sicura che molti di voi ne abbiano sentito parlare. Si tratta di un network solo ad inviti personali. La bellezza qui è, in realtà costruire un gruppo, una comunità, di uguale pensiero di professionisti che hanno bisogno di aiuto per promuovere il loro messaggi. Si condivide il tuo feed RSS nell' account Tribe e tutti i contenuti in base al loro mercato target particolare (è necessario assicurarsi che le persone che si aggiungono offrano contenuti che si desidera condividere).
Noi come esseri umani amano il sistema premiante, e la maggior parte dei social network fornisce dei riconoscimenti fondamentali a chi si associa con loro. Se i riconoscimenti sono un badge, il riconoscimento o una comunità che si impegnerà,  ti regalano anche l’autorevolezza che deriva dal sostegno di coloro che apprezzano e rilanciano i tuoi messaggi. La gente vuole sentirsi apprezzata, e, quando una rete ti dà badge e riconoscimenti, tu (come essere sociale) ne sarai attratto grazie alla sensazione (illusione?) di essere importante.
Con Four Square, ad esempio, si ottengono badge e mayorships. Adoro questo, e  non sono l’unica: direi che piace a tutti. Non per i badge in se stessi, ma perché posso rimanere in contatto con mio ufficio facendo loro sapere dove mi trovo, e condividendo le immagini che scatto.
Naturalmente, tutto questo parlare di social media mi porta a discutere di qualcosa che io non vedo accadere a sufficienza in Italia. Sono ancora confusa sul motivo per cui tanti italiani si rifiutano di condividere i contenuti degli altri, di promuovere idee. Sembra quasi che pensino che stai chiedendo loro di mettere le loro vite in pericolo.
Passano ore a salutare le persone e a fare  #FF ma è una cosa rara vedere qualcuno condividere un post scritto da qualcun'altro o da un giornale (e devo ancora trovarne uno che non è orientato a destra o sinistra). Sebbene gli italiani siano ritenuti un popolo generoso, devo dire che non sembrano avere una mentalità di condivisione. Deve essere la cultura, anche se so che alcuni della mia lista italiana condividono i nostri contenuti.
I social network dovrebbero essere un divertimento, un ottimo modo per incontrare persone e far crescere la nostra e vostra rete. Ma alla fine della fiera queste reti (o network) dovrebbero essere utilizzate per vostro vantaggio e beneficio. Qualunque sia quella che dà la possibilità di gestire, creare e misurare il ritorno sarà quella che finirò per preferire.


Gabriella Sannino: il suo blog

giovedì 26 aprile 2012

Structured world of mouth - Passaparola organizzato


Il testo italiano è qui sotto, 

scendere per trovarlo grazie

Prossimo post lunedì 30 aprile 

Next post Monday april 30th






We recently hosted chez nous a Tupperware evening. You may know that this company sells only through direct channel, mainly through word-of-mouth: a presentation hosted in a home, with some friends invited by the owner in a very household environment.
Tupperware is not the only one using non-retail channels to sell its products: and this solution can be proposed in several ways. You might be aware of the multilevel approach used by Herbalife and Amway as an examples.
For sure the possibility to purchase on-line helped this approach since the promotion of products, ignited with a personal contact, can now be sustained through on-line shopping.
What as this to do with referral sales? Almost everything, since word-of-mouth is actually referral. My question is: can we apply the same business model to export? Could small business, like Italian stylist or designer, try to promote their business through door-to-door networking channel?
And if this could be done: how can someone living far away find the right “army” to conquer a foreigner country? Any suggestions? I’ll provide mine in a future post




testo italiano


Abbiamo ospitato di recente in casa nostra una serata Tupperware. Questa azienda produttrice di prodotti per la casa vende sono attraverso canali diretti non tradizionali, per passaparola. Prodotti di alta qualità proposti da una brillante promotrice, che spesso svolge questa attività per “arrotondare” come si suol dire, senza per questo mancare di professionalità o attenzione.
Tupperware non è l’unica casa che ha scelto questo canale porta a porta; canale che conosce diverse opzioni: il multilevel di Amway del notissimo Herbalife fino ad arrivare al nostrano Net-al spesso oggi si affianca alla vendita on-line, sempre promossa attraverso contatti diretti e amplificata dalla possibilità di non dover attendere il passaggio del contatto per emettere nuovi ordini.

Che cosa c’entra tutto questo con la vendita referenziata e questo blog?



Iniziamo a riflettere su quali sono i prerequisiti per un business model di questo genere: elevata qualità dei prodotti, proposti in modo esclusivo, attraverso la passione di promotori che lavorano sulle proprie conoscenze personale amplificate, proprio come in un social network, dagli “amici degli amici”. Vale a dire tutto quanto fa parte del concetto di vendita referenziata. Esattamente il tema del nostro blog: vendere sfruttando il passaparola, sistematizzato.
Funziona in tutto il mondo? Sicuramente sì, dato che queste case provengono per la maggior parte degli USA e non hanno certo scelto l’Italia come loro sola seconda opzione.
Funziona solo oggi? No, dato che questi marchi sono presenti sul mercato da anni e, se posso portare un piccolo esempio personale, ricordo come da bambino ero costretto a volte a seguire mia madre a casa di amiche, dove per fortuna un ragazzino con il quale giocare a Subbuteo si trovava sempre, per assistere alla presentazioni della promotrice Avon, azienda cosmetica che ancora oggi usa questo canale di vendita.

Dunque?

Perché non sfruttare il medesimo modello per vendere, all’estero, prodotti italiani di qualità? Non è anche questo un modo di sviluppare un canale di vendita referenziata? Non sarà più facile così tenere in conto il flusso produttivo, il cash, la fatturazione, i costi di promozione?

Non è un business model applicabile alla moda, al design, all’agro-alimentare, alla cosmesi, a quei prodotti che possono trovare in un passaparola “spinto” un canale preferenziale a basso costo? 

Che cosa ne dite? Come si può attuare? Qualche idea ce l’ho, vorrei raccogliere prima le vostre. Grazie.

domenica 22 aprile 2012

Smart Social Emotion



Il testo italiano è qui sotto, 
scendere per trovarlo grazie

Prossimo post mercoledì 25 aprile 
Next post Wednesday april 25th






Nice and smart idea! Emozioni3 launched a contest which increased greatly its own reputation and ended up in being a clever marketing tool.
Emozioni3 claims to sell emotions and dreams. Actually its products are boxes with coupon for vacations, entertainments and so on.
Since they affirm that the quality of the location you can choose to spend the coupon you bought or you were given, is excellent, they need to have quality certifiers: to recruit some they launched this contest. Win it and you’ll spend your next year travelling and visiting the best hotels, restaurants, cities, places, beaches in the world to check the quality of their offer.
Isn’t it a dream? To be paid to travel, live in 5 stars hotel (well, maybe not just 5 stars hotels…) eat in exquisite restaurants?
 To be the chosen one you need to be voted in the specific page of the website, so those who dreamt to be anointed start asking their “social friends” to visit the website and vote for them.
What a nice way to increase traffic on the website, and widen their own reputation and maybe find also some new clients.
How can a similar approach be used by other markets?
Do you have any ideas?
And just in case you want to pay a visit to the contest website do not forget to vote for my friends



Testo italiano





Interessante l’idea di Emozioni3   che ha lanciato un concordo che ha sicuramente potenziato la sua reputazione e alla fine risulta essere un geniale strumento di marketing.
Emozioni3   dice di vendere sogni ed appunto emozioni: gradevole modo per presentare il proprio prodotto, vale a dire voucher per viaggi, cene, esperienze sportive e intrattenimenti. La qualità è un elemento determinante che la casa propone, affermando di curare particolarmente la qualità delle proprie scelte e quindi dei partner che inserisce nei propri pacchetti.
Per certificare questa qualità è necessario visitare le strutture che intendono essere inserite nei buoni regalo, provare i ristoranti, sperimentare i parchi a tema e così via. Da qui la simpatica e brillante idea: lanciare un concorso per selezionare i certificatori di qualità. Un sogno lungo un anno: questo il periodo offerto nel concorso. Un anno nel quale si viene pagati per dormire in lussuosi alberghi a cinque stelle (beh, magari non solo a cinque stelle), cenare in ristoranti squisiti, prendere il sole su spiagge dorate e così via…
Se è un concorso con un premio così… come si fa a partecipare e ad essere i vincitori? Basta iscriversi nella pagina web del blog di Emozioni3   e farsi votare. Da chi? Ovviamente innanzitutto dai propri social-amici. Generando così una valanga di traffico sul sito e attirando l’attenzione di tanta gente che rilancia poi sui social network l’iniziativa.
Sicuramente una idea intelligente. Come sfruttare un simile approccio per altri mercati? Avete idee?
Nel caso vogliate passare a vedere, non dimenticatevi di votare per  queste due amiche


giovedì 19 aprile 2012

A school is like a soup? Promuovere il prodotto scuola


Il testo italiano è qui sotto, scendere per trovarlo grazie
Prossimo post domenica 22 aprile 
Next post Sunday april 22th






Could you compare a school to a corporate? Well, although a school is supposed to have a different goal than just raising money, it can use the same business approach like any other enterprise.
What is surely comparable to the business world is the fierce competition existing in a shrinking market like the Italian one. Actually our country presents a birth rate index of less than 1,5 which would mean in the long time a slow but consistent dissolution of the population. And the immediate consequence for the education market is that the “potential  clients” of a school, a weird word to define students, is decreasing firing up the competition between schools to get enough students to survive, which ever this could really mean.
This is the reason why schools need to invest more in marketing strategies (yes, quality is first, but even if you have an excellent quality you need to tell it to the market).
What would you advertise? Which media can you use to widen and improve your reputation? Which is the message to forward?
Some weeks ago a trustworthy Italian Foundation, the Fondazione Giovanni Agnelli started presenting the results of a research aimed to evaluate the Italian high schools through the performances of their graduates in the first college year.
I’m actually working for one of the schools which gets very good results emerging as the first classical lyceum in the city of Milan. Now how can you leverage this news? How can you build on this unexpected assist to widen your reputation and get more attention from the media and your market?
What we decided to start with is a collection of interviews from the alumni asking them what did they loved of their experience and which benefits did they get from attending that school, not just from an cultural point of view but rather from a personal side: how their school experience helped them to growth in such difficult times.
We all know that publishing in the web does not mean to be read and noticed. So we start tweeting the news, we also worked on Facebook involving all the alumni and actual students asking them to support their school. We used also Pinterest to raise attention.
We foresee to produce a white paper for the media and for the actual students and their families as well as using Issue and/or Scribd to produce a photo book of the alumni’s interviews.
This cannot be enough: do you have any ideas how to use the web to promote the school? Any suggestions?



Testo italiano





Si può paragonare la scuola ad una impresa? Beh, anche se una scuola dovrebbe avere un obiettivo diverso dal solo fare soldi, è possibile utilizzare lo stesso approccio business come per una qualsiasi altra impresa.
Ciò che è sicuramente paragonabile al mondo degli affari è la forte concorrenza esistente in un mercato in contrazione come quello italiano. In realtà il nostro Paese presenta un indice di natalità inferiore a 1.5, il che significa, nel lungo periodo, una dissoluzione lenta ma costante della popolazione. E la conseguenza immediata per il mercato della formazione è che i "potenziali clienti" di una scuola, una parola strana per definire gli studenti, è in diminuzione, accendendo la concorrenza tra le scuole per portare studenti sufficienti per la sopravvivenza della scuola stessa.
Questo è il motivo per cui le scuole devono investire di più nelle strategie di marketing (sì, la qualità viene prima, ma anche se si dispone di una qualità eccellente è necessario comunicarlo al mercato).
Come fareste pubblicità? Quali media si possono utilizzare per ampliare e migliorare la vostra reputazione? Qual'è il messaggio da inoltrare?
Alcune settimane fa una fondazione italiana degna di fiducia, la Fondazione Giovanni Agnelli ha iniziato presentando i risultati di una ricerca mirata a valutare le scuole italiane attraverso le alte prestazioni dei loro diplomati nel primo anno di università.
Sto proprio lavorando per una delle scuole, il liceo classico Faes Monforte che ha ottenuto un eccellente risultato, emergendo come il primo liceo classico nella città di Milano. Ora, come si può sfruttare questa notizia? Come si può costruire su questo assist inaspettato per ampliare la reputazione e ottenere maggiore attenzione da parte dei media e il mercato?
Ciò che abbiamo deciso è stato di iniziare con una raccolta di interviste alle ex alunne, chiedendo loro cosa hanno amato della loro esperienza e quali benefici si ottengono nel frequentare quella scuola, non solo dal punto di vista culturale, ma piuttosto da un lato personale: come la loro esperienza scolastica li ha aiutati nella crescita in questi tempi difficili.
Sappiamo tutti che la pubblicazione in rete non significa essere letti e notati. Dunque iniziamo twittando la notizia, abbiamo anche lavorato su Facebook, coinvolgendo tutti gli ex alunni e gli studenti attuali, chiedendo loro di sostenere la loro scuola. Abbiamo usato, per aumentare l'attenzione, anche Pinterest.
Si prevede di produrre un white paper per i media, per gli studenti e le loro famiglie, nonché di usare Issue e/o Scribd per produrre un book fotografico delle interviste.
Questo può non essere abbastanza: avete qualche idea su come utilizzare il web per promuovere la scuola? Qualche suggerimento?


Ecco quello giunto da Paolo Ratto che parla di un consorzio universitario.

lunedì 16 aprile 2012

Citroen & Facebook



Il testo italiano è qui sotto, scendere per trovarlo grazie
Prossimo post giovedì 19 aprile 
Next post Thursday april 19th




We are all aware that this is not a good period for the car industry. The last figures said that the crisis is biting hard and that the market lost about 25% of sales in the last quarter. Yet this is not true for everyone. Citroen for example is getting much better results than the average of its competitors. While the segment result was a -24% the French company got a +0,5% increasing its market share from 4,8% to 6,3%.
Of course this is mainly due to the combination of the new nice cars of the DS serie presented by Citroen and by the efforts of the dealers’ network. But.
But what’s weird and what was noticed by the managing director of Citroen Italy François Guyesse, is that also the social networks, Facebook first, played an interesting role. The Facebook page of Citroen got more than 141.000 fans and several dealers or even workshops have their own and use it to create a community of people talking about the brand, the cars, the solutions and so on.
Now, why this approach is not used by a huge number of companies that can benefit from the web marketing approach, is still a mystery to me. I’m thinking of stylists, apparel shops, schools, handcraftsmen and so on.
Any idea about?



Testo italiano

Siamo tutti consapevoli che questo non è un buon periodo per l'industria automobilistica. Le ultime cifre ha detto che la crisi sta mordendo duro e che il mercato ha perso circa il 25% delle vendite nell'ultimo trimestre. Ma questo non è vero per tutti. Citroen, ad esempio, sta ottenendo risultati decisamente migliori rispetto alla media dei suoi concorrenti. Mentre il risultato del segmento è stato un -24%, la società francese ha un +0,5%, aumentando così la sua quota di mercato dal 4,8% al 6,3%,.
Naturalmente questo è dovuto principalmente alla combinazione delle belle macchine nuove della serie presentate da Citroen, DS e dagli sforzi della rete dei concessionari. Ma.
Ma ciò che è strano e ciò che è stato notato dal direttore generale di Citroen, Italia François Guyesse, venga che anche i social network, Facebook in primo luogo, hanno svolto un ruolo interessante. La pagina Facebook di Citroen, ha ottenuto più di 141.000 fan e vari concessionari o addirittura hanno le loro pagine officine e le usano per creare una community di persone che parlano della marca, delle auto, delle soluzioni e così via.
Ora, perché questo approccio non venga utilizzato da un gran numero di aziende che possono trarre beneficio da un approccio di web marketing, è ancora un mistero per me. Sto pensando a stilisti, negozi abbigliamento, scuole, artigiani e così via.
Qualche idea in proposito?

venerdì 13 aprile 2012

Groupon: dove ho sbagliato? Where I went wrong?


Il testo italiano è qui sotto, scendere per trovarlo grazie
Prossimo post lunedì 16 aprile 
Next post Monday april 16th



If you are a recurrent reader of this blog you know that I’ve quite a mania, an obsession for the chances Groupon can present, and I’m a loyal client of the offers that this company, and its friends like Groupalia & alia, propose. I had some unpleasant experience but the level of general satisfaction is high.
What I noticed in the past is that shops using this marketing chance usually misuse it, taking it for a way to increase cash instead of using it for it really is: a promotion tool.
I wrote a post about that suggesting a strategy that could be used to increase one’s reputation and therefore getting back the investment in the Groupon experience. It got quite a huge number of visit and good appreciation.
So I produced a sort of small brochure with a text based on these hints, a QR-code linked to the video I realized about this Groupon strategy, and gave it to all the restaurants I dined in thanks to Groupon. That was not enough: I monitored for a about month all the proposal I received from this coupon promoters and send an email to all the restaurants and shops who were advertising.
It seemed to me a nice idea. Can you guess how many answers I received, not for proposing me a contract, but even for just saying “thank!” since I was giving away some good piece of advice?
None.
Now, I turn to you to be taught: where I went wrong? Can you provide me some suggestions?
Thank you

Testo italiano



Se sei un lettore abituale di questo blog sai che ho la mania, quasi l'ossessione per le opportunità che Groupon può rappresentare e io stesso sono un cliente, che potrei definire fedele, delle offerte che questa società -e i suoi… fratelli come Groupalia- propongono. Ho avuto qualche esperienza spiacevole, ma il livello di soddisfazione generale è alto.
Quello che ho notato in passato è che i negozi che utilizzano questa opportunità di marketing di solito ne fanno uso improprio, prendendolo per un modo per aumentare la liquidità, invece di utilizzarlo per ciò che realmente è: uno strumento di promozione.
Ho scritto un post suggerendo una strategia che potrebbe essere utilizzata per aumentare la propria reputazione e quindi rientrare dell'investimento nell'esperienza Groupon. Ha ottenuto un gran numero di visite e buon apprezzamento.
Così ho realizzato un piccolo opuscolo con un testo sulla base di questi accenni, un QR-code legato al mio video che ullustra la “strategia Groupon”, e l'ho dato a tutti i ristoranti dove ho cenato grazie a Groupon. Nonsolo: ho monitorato per un mese tutte le proposte che ho ricevuto da Groupon e simili e ho inviato una email a tutti i ristoranti e negozi che erano pubblicizzati.
Mi sembrava una bella idea. Riuscite a indovinare quante risposte ho ricevuto, non per la proposta di un contratto, ma anche solo per dire "grazie" dal momento che stavo dando tanti buoni consigli gratis?
Nessuna.
Ora, mi rivolgo a voi per imparare: dove ho sbagliato? Potete darmi qualche suggerimento?
grazie

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...